Ha dato alla luce una bambina, ma non ha potuto vederla: tragedia a Scafati, nella provincia di Salerno, dove una donna di 41 anni, Anna Raiola, al nono mese di gravidanza, è morta a causa di un infarto. Anna avrebbe dovuto partorire, naturalmente, tra pochi giorni: mentre si trovava nella sua abitazione, però, ha improvvisamente accusato un malore. Immediata è scattata la corsa in ospedale: la 41enne è stata trasportata alla clinica Villa di Stabia di Castellammare, nella provincia di Napoli. Qui, nonostante i disperati tentativi dei medici, il cuore di Anna ha smesso di battere. È allora scattata una corsa contro il tempo per far nascere la bambina che portava in grembo: le sue condizioni di salute, però, non sono ancora note.

La notizia della morte di Anna ha sconvolto l'intera comunità di Scafati: la 41enne, infatti, era molto conosciuta nella cittadina del Salernitano, dal momento che era proprietaria di due erboristerie. Tanti i messaggi di cordoglio sui social network: "La morte assurda di Anna Raiola lascia tutti noi inebetiti, increduli. Il primo pensiero è per lei, per l’interruzione del suo progetto di vita, poi per suo marito ed i suoi figli, specialmente per la bimba che i medici hanno fatto nascere e che sta lottando per la vita, per lo sforzo che dovranno fare per sopravvivere, poi per i suoi parenti e infine per tutti noi, che anche se meno vicini siamo comunque partecipi, perché la morte di questa giovane donna colpisce tutta la comunità" scrive su Facebook un collega della 41enne. Anna Raiola lascia un marito e due figli, due maschi di 12 e 16 anni, oltre alla bimba che non conoscerà mai.