Un'aggressione con rapina nel cuore del Centro Storico di Napoli, in Piazza del Gesù Nuovo. Ad essere vittima di questo ennesimo episodio di violenza è stato un artista di strada, un musicista che si stava esibendo nella storica piazza napoletana, punto di passaggio quasi obbligato per gli studenti, universitari e non, ma anche per i tantissimi turisti che affollano le strade del centro storico.

Dalla ricostruzione delle forze dell'ordine, il trentaquattrenne arrestato, già noto alle forze dell'ordine, non aveva esitato ad aggredire il musicista per rapinarlo di una piccola somma di denaro. Una segnalazione al 113, però, ha permesso agli agenti della polizia di stato del commissariato Decumani di intervenire subito sul posto: l'uomo, alla vista delle forze dell'ordine, ha provato prima a scappare, poi ad aggredirli fino a danneggiare l'auto di servizio dei poliziotti. Una volta bloccato, l'uomo è stato accusato di rapina, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, nonché denunciato per danneggiamento di beni pubblici. Sottoposto al giudizio per direttissima, l'uomo è stato condannato a due anni, con pena sospesa, e seicento euro di multa. L'artista di strada è stato invece soccorso, per l'aggressione subita, dal personale del 118 intervenuto sul posto.