167 CONDIVISIONI
28 Agosto 2015
10:56

Napoli, allarme per la qualità dei saraghi: “Sanno di cartone”. La colpa? Di un’alga

Molti pescatori denunciano: la carne del sarago maggiore è diventata immangiabile, simile al cartone. Il caso sarà analizzato dai ricercatori della Federico II di Napoli, ed è stato già al centro di uno studio dell’università del Salento. La colpa sarebbe di un’alga che rende magra la carne dei pesci. Intanto il rpezzo del sarago si è dimezzato e i ristoranti non lo ordinano più.
A cura di Francesco Loiacono
167 CONDIVISIONI
(Fonte: Wikipedia, foto di Marrabbio2)
(Fonte: Wikipedia, foto di Marrabbio2)

Uno dei simboli della cucina napoletana a base di pesce, il sarago maggiore, è al centro di un vero e proprio caso "scientifico". Il motivo? La qualità delle sue carni sta peggiorando sempre di più. Prima di scatenare ingiustificati allarmismi, è bene però precisare: il fenomeno della gommosità delle carni del sarago, e della loro consistenza simile al cartone, è limitato per ora solo agli esemplari pescati nella acque alle pendici del Vesuvio.

A cascata, però, la notizia del peggioramento della qualità dei pesci ha finito col determinare una serie di effetti collaterali: i ristoranti e gli chef non lo ordinano più, il prezzo si è dimezzato passando da 30 a 15 euro al chilo e alcuni pescatori, ormai, lo tirano su nelle reti solo accidentalmente. Tutto è nato da un allarme della Federpesca ripreso dal quotidiano Il Mattino e poi rimbalzato su altri mezzi di informazione. Il sarago al sapore di cartone sarebbe in realtà un problema di antica data, che però a detta dei pescatori sta diventando sempre più frequente negli ultimi tempi.

Per indagare sulle cause del problema è stata coinvolta addirittura l'università Federico II di Napoli, con il suo dipartimento di Veterinaria e i ricercatori della stazione Zoologica Anton Dohrn e del Cnr. Secondo il professor Aniello Anastasio, ordinario di Igiene e tecnologie alimentari intervistato dal Fattoquotidiano.it, non sarebbe comunque l'inquinamento all'origine del fenomeno.

L'Università del Salento: "Colpa di un'alga"

Una spiegazione plausibile del problema arriva dall’Università del Salento, che ha svolto in passato uno studio sull'anomala durezza delle carni del sarago. Tutto deriverebbe da ciò che i pesci mangiano, e nello specifico da un'alga, la Caulerpa cylindracea, che originaria dei mari australiani ha fatto la sua comparsa nel Mediterraneo nei primi anni Novanta, e abbonda proprio in due punti dove i pescherecu napoletani hanno catturato saraghi "al cartone": Punta Campanella e Capo Miseno.

"Quando il sarago mangia la Caulerpa, i composti in essa contenuti si accumulano nei tessuti del pesce e abbattono il contenuto di acidi grassi – spiega Antonio Terlizzi, professore di zoologia dell’Università del Salento -. Nel momento in cui il pesce viene cotto, quindi, la sua carne risulta stopposa". L'inquinamento, dunque, sembra non c'entrare nulla. Ma le carni del sarago, sottoposte a cura dimagrante dall'alga aliena, hanno fatto sì che in molti ristoranti campani il pesce sia ormai stato bandito dai menu. Unica consolazione è sapere che, forse, la stessa alga causa del dimagrimento del pesce potrebbe essere utile anche alla riduzione del colesterolo nell'uomo. Notizia che, però, non cambierà il cattivo umore dei buongustai.

167 CONDIVISIONI
Alexandria Ocasio-Cortez arrestata durante protesta a favore dell’aborto a Washington
Alexandria Ocasio-Cortez arrestata durante protesta a favore dell’aborto a Washington
13 di Videonews
In Campania ogni giorno vengono rubate 75 auto: nel 2021 sparite 27.500 vetture, record nazionale
In Campania ogni giorno vengono rubate 75 auto: nel 2021 sparite 27.500 vetture, record nazionale
Processo Mollicone, le reazioni dei Mottola alla lettura della sentenza di assoluzione
Processo Mollicone, le reazioni dei Mottola alla lettura della sentenza di assoluzione
27.847 di Fanpage.it Roma
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni