La casa del cantautore Pino Daniele all'asta. La denuncia viene dalla pagina Facebook ‘Set Napoli', di cui fanno parte un gruppo di ragazzi che si battono contro la turistificazione del centro storico. L'abitazione si trova in via San Giovanni Maggiore Pignatelli: attualmente nella casa vive Salvatore, il fratello del cantautore morto nel gennaio 2015, mentre prima ci abitava la madre. Secondo quanto denunciato da ‘Set Napoli', la casa sarebbe stata messa in vendita dalla banca a causa del pignoramento del mutuo d’acquisto della casa. E dovrebbe finire sull'asta alla fine di gennaio. "È poco più di un basso, ma l'aggressività della banca è motivata dal fatto che ora gli interessi immobiliari su quest'area si sono moltiplicati – scrivono sulla pagina Facebook – È un allarme che condividiamo con tutte e tutti affinché si blocchi l'esecuzione dell'asta e si trovi una soluzione per impedire lo sgombero di Salvatore, un abitante storico del quartiere come tutta la sua famiglia, per farci magari un'altra casa vacanza con annessa esposizione sul fratello Pino per attrarre i turisti".

Proprio Salvatore, il fratello di Pino Daniele, da quella stessa abitazione aveva esposto uno striscione contro Matteo Salvini proprio durante il giorno della visita dell'ex ministro dell'Interno a Napoli. "Questa Lega è una vergogna, lo diceva anche mio fratello Pino", il testo esposto in un lenzuolo calato fuori il balcone. Salvatore vive da anni nella casa di via San Giovanni Maggiore Pignatelli: adesso potrebbe rischiare di perderla. Il fratello di Pino Daniele non ha ancora commentato la messa all'asta dell'abitazione, né si sa se qualcuno interverrà per interrompere il pignoramento. La notizia è però già girata e sta creando molto scalpore, soprattutto nella città di Napoli dove Salvatore è uno degli abitanti più caratteristici del centro storico.