Paura questa mattina al corso Secondigliano di Napoli, dove un ramo si è spezzato ed è caduto al suolo, colpendo una donna che in quel momento passava sul marciapiede. Nulla di gravissimo per la donna, che se l'è cavata con tre punti di sutura. Ma la vicenda desta molta preoccupazione per residenti ed esercenti, visto che il corso Secondigliano è caratterizzato proprio da tanti alberi e che questi, a causa di una mancata potatura, possono costituire un'autentica "minaccia", soprattutto in vista dell'inverno, con piogge e vento che potrebbero causare il cedimento di altri rami o anche peggio, come del resto accade fin troppo spesso nella popolosa metropoli partenopea.

La notizia della caduta del ramo di oggi è stata data da Maurizio Moschetti, presidente della Settima Municipalità di Napoli che comprende Miano, Secondigliano e San Pietro a Patierno. Moschetti ha spiegato che "a causa della mancata potatura da parte del Comune di Napoli, gli alberi del corso Secondigliano stanno diventando un vero e proprio pericolo per l'incolumità di tutti noi". La zona è stata poi messa in sicurezza dalle forze dell'ordine intervenute sul posto, in primis vigili del fuoco e polizia locale, mentre Moschetti ha fatto sapere di aver fatto partire subito "l'ennesima segnalazione di richiesta di potatura urgente, nei confronti del servizio verde della città". La donna ferita è stata invece soccorsa e medicata: per lei, solo tanta paura e tre punti di sutura, ma nessuna altra grave complicazioni. Dopo la messa in sicurezza della strada, la circolazione è ripresa senza ulteriori problemi per veicoli e pedoni.