435 CONDIVISIONI
1 Gennaio 2020
20:17

Napoli, macabro spettacolo al cimitero di Poggioreale: tombe scoperchiate e ossa esposte

Al cimitero di Poggioreale, a Napoli, le lapidi di alcune tombe risalenti a molti decenni fa hanno ceduto lasciando scoperchiati i loculi. Da alcuni giorni ossa e resti dei defunti sono così esposti alle intemperie. Un macabro spettacolo sotto gli occhi dei visitatori che passano nell’area del “fondo Desiderio”.
A cura di Simone Gorla
435 CONDIVISIONI
foto di repertorio
foto di repertorio

Orrore al cimitero di Poggioreale, a Napoli, dove le lapidi di alcune tombe risalenti a molti decenni fa hanno ceduto lasciando scoperchiati i loculi. Ossa e resti dei defunti sono rimasti così esposti alle intemperie e sotto gli occhi dei visitatori.

Tombe scoperchiate e ossa esposte: il macabro spettacolo al cimitero di Poggioreale

È successo nella zona del "fondo Desiderio" dove lo spettacolo macabro è offerto alla vista dei passanti da almeno un paio di settimane. Alcuni testimoni hanno riferito di grossi frammenti di marmo lungo il viale e, soprattutto, di ossa visibili all'interno delle nicchie che le vecchie lapidi avrebbero dovuto coprire.

"Uno spettacolo raccapricciante – a denunciato una donna, che ha i propri cari sepolti nella zona, e che ha documentato la situazione con alcune foto – che si era già verificato anni fa, a poca distanza. Per il rispetto dovuto ai cittadini, vivi o defunti, c'è da augurarsi che il Comune intervenga quanto prima".

435 CONDIVISIONI
Il 12 settembre riapre al pubblico il cimitero Monumentale di Poggioreale
Il 12 settembre riapre al pubblico il cimitero Monumentale di Poggioreale
Alessia e Giulia investite dal treno, il papà: “Vivevo per loro: che questa tragedia non sia vana”
Alessia e Giulia investite dal treno, il papà: “Vivevo per loro: che questa tragedia non sia vana”
554 di Videonews
A Caserta inferno nel primo giorno di scuola: bus bloccati da protesta
A Caserta inferno nel primo giorno di scuola: bus bloccati da protesta
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni