Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Si fanno passi in avanti per dotare Napoli di un adeguato piano di emergenza e sicurezza in caso un importante evento sismico colpisse la città. La Giunta comunale, come riporta Il Mattino, lo scorso 25 ottobre ha approvato una delibera – si aspetta ora il via libera del Consiglio comunale – per implementare il piano di emergenza di un adeguato sistema di raccolta degli sfollati in caso di terremoto. Sono state individuate così 5 grandi aree in cui saranno concentrati gli sfollati se Napoli dovesse essere colpita da un sisma: si tratta dell'Ippodromo di Agnano e della Mostra d'Oltremare per i cittadini dell'area occidentale; del Polifunzionale di Scampia e del Palavesuvio per i cittadini dell'area nord-orientale; infine, dello Stadio Collana, al Vomero, per chi abita nella zona collinare.

Tutte le aree individuate per la raccolta degli sfollati in caso di emergenza sono grandi strutture in grado di ospitare migliaia di persone, che potranno rimanervi per un massimo di 2-3 mesi. A queste strutture, poi, in caso di ulteriore bisogno di disponibilità potranno aggiungersi anche quelle ricettive come gli alberghi. Dopo l'approvazione anche del Consiglio comunale, si procederà poi a disseminare in città una cartellonistica adeguata che segnali alla cittadinanza i 5 punti di raccolta individuati.