immagine di repertorio
in foto: immagine di repertorio

Avrebbe sparato ad un uomo in via Acton per una banale lite per motivi di viabilità e poi si sarebbe dileguato. È accusato di tentato omicidio aggravato e di detenzione e porto in luogo pubblico di pistola un 26enne di Volla, in provincia di Napoli, già noto alle forze dell'ordine, sottoposto a fermo dalla Procura della Repubblica; il provvedimento, eseguito da polizia e carabinieri, è stato convalidato giovedì scorso. I fatti risalgono alla notte di sabato scorso, 14 settembre, quando un automobilista era stato ferito a colpi di pistola in via Acton, nel centro di Napoli.

Era successo, aveva spiegato la vittima, in seguito a una discussione con un giovane, nata per motivi di viabilità: il ragazzo aveva tirato fuori una pistola e aveva premuto il grilletto, per poi sparire subito dopo in auto. La ferita non era grave, l'uomo è stato visitato in ospedale e, dopo le prime cure, i medici hanno escluso il pericolo di vita. Le indagini erano state svolte dagli agenti del commissariato San Ferdinando della Polizia di Stato, che partendo dalla testimonianza del ferito, dagli elementi raccolti sul posto e dalle immagini della videosorveglianza avevano stretto il cerchio su un pregiudicato di Volla. Lo avevano cercato nella sua abitazione, ma si era reso irreperibile.

Il ragazzo, consapevole di avere sul collo il fiato degli investigatori, si era consegnato poche ore dopo nella caserma dei carabinieri di Volla. Nei suoi confronti, sulla base degli elementi raccolti nelle indagini, è stato emesso il provvedimento di fermo, eseguito da polizia e carabinieri; giovedì il gip del Tribunale di Napoli ha celebrato l'udienza di convalida.