Regalare un giocattolo a chi non può averlo, fare sì che anche i bambini di famiglie in difficoltà possano avere un regalo per Natale. E farlo prendendo spunto da un'altra tradizione napoletana, quella del caffè sospeso: anche quest'anno, in concomitanza col Natale, arriva il "Giocattolo sospeso", l'iniziativa promossa dall'Assessorato al Patrimonio, ai Lavori Pubblici e ai Giovani del Comune di Napoli che invita ad acquistare presso i negozi aderenti un giocattolo per regalarlo a un bambino o a una bambina che diversamente non lo avrebbe. Per partecipare basta acquistare un gioco in uno dei negozi e dichiarare di volerlo lasciare a disposizione dell'iniziativa.

Alla presentazione del progetto, domani 3 dicembre a Palazzo San Giacomo, sede del Comune di Napoli, ci saranno l'assessore Alessandra Clemente, l'attore Gino Rivieccio, Ludovica Nasti, protagonista della serie tv "L'amica geniale", e il coro "That's Napoli Live Show" diretto da Carlo Morelli. Saranno inoltre presenti i testimonial delle scorse edizioni tra i quali Maria Bolignano e Mariano Bruno, oltre che i giocattolai che hanno aderito: Junior Giocattoli, Casa mia, Natullo toys , Leonetti, La Girandola giocattoli di Via Nicolardi, la Girandola di Via Toledo, Baby Bendrew, Arcobalocchi giocattoli, Bibi, libreria dei ragazzi. La Città del Sole Napoli Chiaia, la libreria Mancini, la libreria Lieto. Modererà la presentazione il giornalista Enzo Agliardi.

Come funziona il giocattolo sospeso a Napoli

Chiunque vorrà partecipare all'iniziativa potrà comprare un giocattolo in uno dei negozi aderenti, ricevendo al momento dell'acquisto lo scontrino fiscale. Il negoziante prenderà nota in un registro apposito del nominativo del donatore, della data di acquisto, del numero seriale dello scontrino e del modello di giocattolo scelto. Il dono potrà essere ritirato consegnando copia del proprio documento di identità al negoziante, che conserverà copia dei documenti dei beneficiari per un eventuale successivo riscontro.