55 CONDIVISIONI

Napoli, piovono calcinacci da un palazzo: traffico in tilt tra piazza Municipio e Maschio Angioino

Alcuni calcinacci si sono staccati da un edificio non molto lontano da piazza Municipio. Per fortuna non si segnala nessun ferito, ma il traffico automobilistico, già copioso nel centro della città, è risultato paralizzato per consentire l’intervento dei vigili del fuoco e la rimozione del materiale caduto in strada.
A cura di Valerio Papadia
55 CONDIVISIONI

Forse saranno ancora gli effetti della pioggia e del forte vento che si sono abbattuti sulla città lunedì 29 ottobre, fatto sta che a Napoli piovono ancora calcinacci dai palazzi. È accaduto questo pomeriggio, mercoledì 31 ottobre, angolo via Santa Brigida e piazza Municipio, a pochi passi dal Maschio Angioino, dove in strada sono caduti alcuni pezzi del cornicione di un edificio. Per fortuna, non si segnalano danni a persone o cose, anche se la caduta dei calcinacci ha causato non pochi disagi, in particolar modo al traffico automobilistico, già solitamente copioso.

Lunghe code si sono formate in tutta la zona circostante al Maschio Angioino per consentire l'intervento dei vigili del fuoco, che si sono recati sul posto per mettere in sicurezza l'area e per rimuover i calcinacci crollati. Per percorrere un tratto breve come quello che porta da via Marina a piazza Municipio gli automobilisti hanno impiegato circa un'ora.

55 CONDIVISIONI
Conferenza mondiale Unesco a Napoli 27-29 novembre, piano traffico da via Duomo a piazza Plebiscito
Conferenza mondiale Unesco a Napoli 27-29 novembre, piano traffico da via Duomo a piazza Plebiscito
Discarica nel fossato del Maschio Angioino a 2 giorni dalla conferenza Unesco a Napoli:
Discarica nel fossato del Maschio Angioino a 2 giorni dalla conferenza Unesco a Napoli: "Una vergogna"
Incidente sotto la Galleria Laziale a Napoli: traffico in tilt a Fuorigrotta
Incidente sotto la Galleria Laziale a Napoli: traffico in tilt a Fuorigrotta
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni