Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Ha sentito un bruciore improvviso alla gamba e ha cominciato a sanguinare. Quello che era successo glielo hanno spiegato poco dopo, in ospedale: era stato colpito da un proiettile, esploso da chissà chi e chissà per quale motivo. Una pallottola vagante, che lo ha centrato alla gamba destra mentre camminava da solo nel cuore della zona nella zona dei Tribunali, nel centro di Napoli. La vittima è un giovane napoletano di 19 anni, ricoverato in ospedale per la ferita ma non in gravi condizioni; sulla sua versione sono in corso accertamenti della Polizia di Stato.

Il ferimento è avvenuto intorno all'1:30 della notte scorsa, quella tra il 21 e il 22 gennaio. Il ragazzo, ha raccontato lui stesso successivamente alle forze dell'ordine, è stato ferito mentre si trovava nei pressi di piazza San Gaetano, ma non è stato in grado di fornire informazioni su chi avesse sparato; incensurato, il ragazzo non risulta inquadrato in ambienti criminali. La zona è da tempo al centro di attriti tra gruppi criminali che vedono contrapposti i Sibillo, appoggiati dai Rinaldi e dai Contini, e i Mazzarella.

Sul posto la Polizia ha trovato un'ogiva a terra e un foro di proiettile all'interno della saracinesca di una trattoria. Non è chiaro se sia stato esploso un colpo singolo, che potrebbe essere rimbalzato a terra e, disintegratosi in schegge, colpire la gamba del 19enne, o se i proiettili sparati siano stati più di uno. Il ragazzo è stato accompagnato in ambulanza al Pronto Soccorso del Loreto Mare, successivamente è stato trasferito dall'Ospedale del Mare, dove i medici hanno disposto il ricovero per tenere sotto controllo le sue condizioni di salute.