Avevano appena rubato un'automobile, si erano allontanati dal luogo del furto per nasconderla. Ma, prima che raggiungessero un posto sicuro, si sono imbattuti in un controllo delle forze dell'ordine. Ne è nata una fuga spericolata, che si è conclusa quando la vettura si è schiantata contro quelle incolonnate nel traffico della Tangenziale; uno dei due è riuscito a fuggire, l'altro è stato arrestato: dovrà rispondere di rapina impropria, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. È accaduto nel pomeriggio di ieri, 14 ottobre, ad Agnano, nella zona occidentale di Napoli.

Gennaro Fontanella, 29 anni, napoletano, già noto alle forze dell'ordine, era in un'automobile con un altro ragazzo, la cui identità resta da accertare. I due sono stati intercettati in via Agnano Astroni da una pattuglia dell'Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Napoli. Gli agenti si sono avvicinati per un controllo e loro hanno subito tentato di scappare. Hanno accelerato e si sono diretti rapidamente verso l'ingresso della Tangenziale di Agnano, guadagnando terreno procedendo a zigzag tra le automobili, sperando di raggiungere l'autostrada e da lì riuscire a dileguarsi. Dopo poche decine di metri, però, l'imprevisto: all'imbocco della Tangenziale la strada era sbarrata dalle automobili incolonnate nel traffico.

I due si sono schiantati sulle vetture e sono scesi dall'abitacolo per continuare a scappare a piedi. Uno è riuscito a fuggire mentre Fontanella, che era alla guida, è stato raggiunto e bloccato nonostante una violenta resistenza. Recuperata l'automobile usata per la fuga, dagli accertamenti gli agenti hanno appurato che era stata appena rubata in piazzale Tecchio, a Fuorigrotta. Il furto risaliva a pochissimi minuti prima: il proprietario, convocato dai poliziotti per le verifiche, non se n'era ancora accorto.