Un labrador lasciato in automobile, sotto al sole cocente che aveva trasformato la vettura in un autentico forno, è stato salvato dagli agenti di polizia napoletani, che poi hanno provveduto anche a denunciare i proprietari per maltrattamento di animali. L'episodio è accaduto nel pomeriggio ieri a Napoli, su via Gramsci: protagonista uno splendido esemplare di labrador di proprietà di due turisti stranieri che hanno pensato di lasciarlo in auto per più di un'ora, nonostante ci fosse una giornata particolarmente calda con temperature al di sopra della media stagionale. All'interno della vettura, hanno poi stimato le forze dell'ordine, c'erano infatti oltre 40 gradi, ed il povero animale stava soffrendo questa incredibile situazione, senza praticamente possibilità di potersi liberare.

La Polizia con il Labrador salvato.
in foto: La Polizia con il Labrador salvato.

Provvidenziale la chiamata di alcuni cittadini, che notando il povero animale che cercava disperatamente di chiedere aiuto hanno avvisato immediatamente le forze dell'ordine. La polizia ha quindi raggiunto la vettura segnalata e, rompendo il finestrino, ha quindi liberato il povero labrador all'interno. E lui non ha perso tempo a "ringraziare" a modo suo i poliziotti, saltando letteralmente loro addosso, scodinzolando e facendo loro le feste. Il cane è stato poi dissetato, mentre si procedeva a ritrovare i padroni: i due, entrambi turisti stranieri, sono quindi stati raggiunti, identificati e denunciati per maltrattamento di animali, mentre il cane è stato affidato al presidio ospedaliero veterinario dell'Asl Napoli 1 Centro, che ha provveduto a tutti i controlli del caso per assicurarsi che il cane stesse bene.

Cani e colpi di calore: come prevenirli

I cani hanno temperature interne superiori a quelle umane (ad esempio, uno Shar Pei ha una temperatura interna di circa 39 gradi, ma in genere la media canina oscilla tra i 38,1 e i 39,2 gradi) ed hanno anche metodi "diversi" da quelli degli essere umani per regolarsi a livello termico, e le alte temperature, soprattutto in estate, aumentano il rischio di colpi di calore. Ecco dunque come prevenirli, riconoscerne i sintomi e curarli.