Una strada di Napoli, nel quartiere Pianura, intitolata a Mario Merola. E' l'iniziativa promossa dal Comune di Napoli, che quest'oggi ha annunciato la decisione della commissione toponomastica, che ha anche approvato altre intitolazioni per altrettanti napoletani celebri. Spicca, però, quella che sarà dedicata allo storico attore e cantante partenopeo, il cui anniversario della nascita cadeva proprio in questi giorni. Nato infatti nel capoluogo partenopeo il 6 aprile 1934, il Re della Sceneggiata ha reso celebre il nome di Napoli nel mondo con film e canzoni che, specialmente tra gli immigrati meridionali in giro per il mondo nel secondo dopo guerra, hanno attenuato la nostalgia di casa.

Oltre ad una strada per Mario Merola, è stato deciso di intitolare strade anche al grecista Marcello Gigante, allo scrittore e storico Fausto Nicolini, all'intera famiglia Grossi, napoletana ed antifascista, ed all'economista Pasquale Saraceno. Tante anche le altre richieste che sono state accolte dalla commissione toponomastica: uno spazio pubblico sarà intitolato a Louis Braille, inventore del celebre linguaggio per persone non vedenti, mentre il matematico Renato Caccioppoli verrà ricordato con una targa commemorativa al numero 16 di via Vecchia San Rocco, dove si trova la villa dove visse per tanti anni. Cambia anche il nome della Caserma della Polizia Municipale di via de Giaxa, che sarà intitolata al capitano Francesco Bruner ed al luogotenente Vincenzo Cinque, morti nella strage di Secondigliano del 2015. A Forcella, invece, troverà spazio una lapide dedicata a Nino Taranto, mentre a Secondigliano la Prima Traversa Casilli sarà intitolata ai Missionari dei Sacri Cuori. Intitolata, infine, una rotonda dei Colli Aminei a Pietro Petrucci, militare dell'esercito morto nell'attentato di Nassirya del 2003 ed una targa per Carmine Muselli, militare caduto durante le Quattro Giornate di Napoli del 1943.