Se vedi un biliardino, devi giocarci. Anche se sei il Sindaco, il presidente della Camera o il Cardinale o il Prefetto di Napoli. Magari non come Maradona, che stopperebbe di petto un pallone sporco di fango anche in smoking, ma il richiamo è irresistibile. E così è stato anche oggi, 9 novembre, col fuori programma durante l'inaugurazione de La Casa di Vetro, il nuovo spazio ludico-educativo aperto oggi a Forcella, nel centro di Napoli.
Da un lato Roberto Fico, Luigi de Magistris e Roberto Velardi, presidente dell'associazione Amici di Carlo Fulvio Velardi Onlus, dall'altra il cardinale Crescenzio Sepe, Ernesto Albanese, presidente de L'Altra Napoli onlus, Riccardo Monti, imprenditore e consigliere dell'associazione, e il prefetto di Napoli, Carmela Pagano. La partita è finita 2 a 1 per la squadra di Fico e de Magistris.

Inaugurata La Casa di Vetro a Forcella

Lo spazio ludico-educativo di via delle Zite è stato realizzato nell'ambito di "Forcella alla luce del giorno", che si propone di replicare anche a Forcella il "modello Sanità", dove sono stati investiti più di 5 milioni di euro negli ultimi 12 anni realizzando 40 progetti per i giovani del quartiere. Il progetto di riqualificazione di Forcella è promosso dall'associazione L'Altra Napoli onlus e ha interessato una ex vetreria di 630 metri quadrati su due livelli che fino ad oggi era abbandonata.

Sulla facciata è stata sistemata una installazione degli artisti Bianco-Valente: una scritta in vetro lunga 10 metri, "C'è una luce che non si spegne mai", che comprende sia l'antica vocazione dei locali, sia gli obiettivi per cui sono stati riqualificati. La struttura, gestita dall'associazione Amici di Carlo Fulvio Velardi onlus, si prefigge di diventare punto di aggregazione per i bambini e per i giovani del quartiere, contrastando la dispersione scolastica e la devianza giovanile; saranno allestiti spazi per il doposcuola, attività ludiche e ricreative, un'aula di informatica e una per la lettura.

I partner per la riqualificazione dell'ex vetreria

Per i primi tre anni di attività l'associazione sarà affiancata da L'Altra Napoli onlus, che contribuirà alle spese di gestione. Il progetto vede coinvolti anche l'Istituto Toniolo e la parrocchia di Santa Maria Egiziaca e il Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università Federico II. Il progetto "La Casa di Vetro" è stato selezionato dall'impresa sociale "Con i bambini" ed è stato cofinanziato da Fondazione Peppino Vismara e Fondazione Bnl- Gruppo Bnp Paribas; la ristrutturazione è stata possibile anche grazie alla partecipazione di partner tecnici, tra cui Ecopneus, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Fondazione Ibm, Neosia, Trend, Sciuker e Siram by Veolia.