In corpo aveva 112 ovuli di cocaina ed eroina, oltre un chilogrammo di sostanza stupefacente: un uomo di 224 anni è stato arrestato dai militari della Guardia di Finanza del Comando Provinciale, con l'ausilio degli uomini dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, all'aeroporto Capodichino di Napoli con l'accusa di traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Il 24enne, arrivato a Napoli con un volo proveniente da Parigi, è stato fermato per i controlli del caso dai finanzieri della compagnia di Capodichino: allarmati dall'atteggiamento sospetto del ragazzo e non convinti delle spiegazioni fornite dallo stesso circa la sua presenza nel capoluogo campano, i militari delle Fiamme Gialle lo hanno accompagnato in ospedale per controlli più approfonditi.

Nel nosocomio è avvenuta l'incredibile scoperta: un esame radiografico ha rivelato che, nello stomaco del giovane, c'erano 112 ovuli, 35 contenenti cocaina e 77 contenenti invece eroina, che il 24enne aveva ingerito nella speranza di eludere i controlli nello scalo aereo partenopeo. Dopo che il giovane ha espulso gli ovuli, la sostanza stupefacente è stata sequestrata, mentre per lui sono scattate le manette. L'ingestione di ovuli di droga, come testimoniano varie operazioni e rapporti delle forze dell'ordine, è uno dei metodi più utilizzati dai narcotrafficanti per contrabbandare droga da una parte all'altra del mondo.