Un fiume di persone, ieri, ha affollato il centro storico di Napoli, approfittando del meteo clemente che soltanto durante la tarda serata ha lasciato spazio ai temporali. E allora ecco che molti cittadini, ma anche numerosi turisti, hanno colto l'occasione e hanno usufruito della domenica gratuita per visitare il Museo Archeologico di Napoli che sorge nel centro storico della città. Il Mann è così stato preso letteralmente d'assalto, raggiungendo il record assoluto di presenze: sono 8.372 le persone che hanno visitato, ieri, il museo. Soprattutto durante la mattinata, la grande affluenza di visitatori ha creato dei veri e propri ingorghi nell'omonima piazza Museo, dove sorge l'ingresso principale: una lunga coda si è partita dall'ingresso del museo e si è protratta fino alla vicina via Foria e piazza Cavour.

Una occasione che in tanti non si sono lasciati scappare: al Museo Archeologico di Napoli, infatti, dal 28 marzo fino al 30 giugno, c'è la mostra "Canova e l'Antico". Al Mann, diretto da Paolo Giulerini, sono arrivate le Tre Grazie di Antonio Canova, direttamente dal Museo dell'Ermitage di San Pietroburgo, in Russia, dove sono conservate dall'inizio del Novecento. Le due sculture, oltre a rappresentare dei veri e propri capolavori dello scultore veneto, rappresentano una delle massime espressioni del neoclassicismo.