138 CONDIVISIONI
Whirlpool chiude a Napoli, la rabbia degli operai
22 Maggio 2020
12:21

Oltre trentamila firme contro la chiusura dello stabilimento Whirlpool di Napoli

Gli operai della Whirlpool di Napoli lanciano un nuovo appello contro la chiusura dello stabilimento di via Argine. In poche ore, con una petizione su change.org, superate le trentamila firme. E in un video, raccontano le loro storie per sensibilizzare ulteriormente l’opinione pubblica sull’argomento.
A cura di Giuseppe Cozzolino
138 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Whirlpool chiude a Napoli, la rabbia degli operai

Prosegue la protesta degli operai della Whirlpool di Napoli: la chiusura dello stabilimento, con il conseguente licenziamento degli oltre 400 dipendenti, è ormai imminente. Dopo l'ultimo tavolo tecnico, lo scorso 30 gennaio la chiusura era stata solo posticipata dal 31 marzo al 31 ottobre. Poco dopo è scoppiata la pandemia di coronavirus, che dopo aver travolto l'Italia si è propagata a tutto il pianeta, facendo finire in secondo piano molte storie che, in quel periodo, erano oggetto di roventi dibattiti.

Tra queste, proprio la questione legata agli operai della Whirlpool di Napoli, che a fine ottobre saranno licenziati. Secondo la multinazionale statunitense, ci sarebbero perdite annue per almeno 20 milioni di euro dallo stabilimento che sorge a Napoli Est, nel quartiere di Ponticelli. Troppi per continuare a tenerlo aperto. Ma gli operai non si sono ancora arresi, e promettono le barricate. Una vicenda che ricorda quella di tanti altri operai, anche campani, costretti alla mobilitazione per difendere il proprio posto di lavoro: da ieri sono in sciopero ad oltranza anche gli operai della Jabil di Marcianise, che da lunedì riceveranno un licenziamento collettivo per 190 di loro.

Anche se "bloccati" dalla pandemia, gli operai della Whirlpool hanno sfruttato questo momento per farsi conoscere in Rete, e lanciato una petizione su change.org proprio per tenere viva l'attenzione pubblica sulla vicenda. In poco tempo, superate le trentamila firme, di cui diecimila nelle ultime 24 ore. E per farlo, anche lanciato un video, che racconta alcune delle loro storie. C'è quella di Luciano che lavora "dal 1986 in questa fabbrica, la storica Ignis fondata da Borghi, poi diventata Philips e dagli inizi anni '90 Whirlpool". C'è quella di Pina, 42 anni e da 17 in servizio nello stabilimento: anche il marito lavora alla Whirlpool, si sono conosciuti, sposati e hanno messo su famiglia e figli. Se lo stabilimento chiude, perdono ogni forma di entrata economica. Come loro, tante altre storie simili, tutte legate al futuro dello stabilimento.

138 CONDIVISIONI
È morto Giuseppe Borrelli, il "nonno Whirlpool". Ai lavoratori disse: "La fabbrica è nostra. Non mollate"
È morto Giuseppe Borrelli, il "nonno Whirlpool". Ai lavoratori disse: "La fabbrica è nostra. Non mollate"
Whirlpool Napoli, la rabbia degli operai: il Governo non si presenta al tavolo del Mise
Whirlpool Napoli, la rabbia degli operai: il Governo non si presenta al tavolo del Mise
Rabbia di sindacati e operai Whirlpool Napoli, al Mise non si presentano i ministri
Rabbia di sindacati e operai Whirlpool Napoli, al Mise non si presentano i ministri
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni