Strada bloccata, batterie di fuochi artificiali tra le auto, e video pubblicato in diretta su Facebook per farsi vedere mentre festeggia. Succede a Pianura, quartiere della periferia ovest di Napoli, e più precisamente tra le case popolari di via San Josemaría Escrivá. Il motivo dei festeggiamenti è la scarcerazione: dopo un periodo agli arresti domiciliari, l'uomo è tornato in libertà e non si è fatto scrupolo di "prendere possesso" della strada per lo spettacolo pirotecnico abusivo. Si tratta di un piccolo pregiudicato, identificato come Antonio F., il video è stato segnalato al consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.

"È inaccettabile e vergognoso – dice Borrelli – non ho parole. Parliamo di una persona che, appena uscita dal carcere, vuol festeggiare la propria libertà e cosa fa? commette un altro atto illegale e cioè spara dei fuochi d’artificio in quel modo bloccando una strada e vantandosene anche. Evidentemente gli avrebbe fatto bene scontare altro tempo in reclusione, non è ancora pronto per il mondo civile. Si dovrà individuare la persona fisica che si cela dietro quel profilo Facebook che ha pubblicato quel video e fare degli accertamenti. Non si possono creare scompiglio e situazioni di rischio in una strada solo perché si vuol festeggiare l’uscita da galera, con fuochi d’artifici utilizzati e manovrati in modo illecito ed improprio. La cosa che più preoccupa è che questi gesti insani ed irresponsabili vengano considerati motivo di vanto, tanto da essere immortalati e celebrati sui social. Una volta individuato, il responsabile dovrà pagare le conseguenze del proprio gesto.”

Lo stesso uomo aveva pubblicato a dicembre un altro video, proprio contro Borrelli: in quella circostanza si era lasciato andare a offese e a una strenua difesa dei parcheggiatori abusivi. "Non è che uno scende di mattina con acqua, vento e tuoni per opera di beneficenza o per hobby. Lo fa perché ha i bambini a cui dare da mangiare. Allora non dovete scassare il…. che deve fare questa gente, deve venire a mangiare a casa tua?".