Un uomo di 63 anni, con precedenti penali per furto e per spaccio di stupefacenti, è stato ricoverato questa mattina, 18 maggio, all'ospedale San Paolo di Fuorigrotta, periferia ovest di Napoli, per ferite da coltello ed escoriazioni in varie parti del corpo. Ha detto ai poliziotti, intervenuti in seguito alla segnalazione partita dai medici, di essere stato colpito poco prima da uno sconosciuto nei pressi di casa sua. Ha raccontato che intorno alle 10 si trovava in via Annibale Ruccello, nel vicino quartiere Pianura, quando è stato aggredito da un immigrato africano in evidente stato di agitazione che, senza motivo, si sarebbe scagliato contro di lui con un coltello in mano e lo avrebbe ferito al fianco destro; i medici lo hanno curato anche per delle escoriazioni all'orecchio sinistro e per contusioni in varie parti del corpo. Le sue condizioni non sono gravi, i medici hanno disposto il ricovero per monitorare il suo stato di salute.

La sua versione è al vaglio delle forze dell'ordine, che hanno avviato le indagini per ricostruire la dinamica del ferimento e per risalire al responsabile; l'uomo non avrebbe fornito ulteriori particolari, limitandosi a dire che si tratterebbe di uno sconosciuto di origine africana e che non ci sarebbe stata una lite o un tentativo di rapina alla base del furto. Sul posto non ci sarebbero telecamere di sorveglianza e, durante i sopralluoghi successivi alla denuncia, non sarebbero emersi elementi a riprova del racconto. Si indaga anche nella vita privata dell'uomo, nella sua cerchia di conoscenti e nei suoi precedenti penali alla ricerca di eventuali collegamenti.