Trenta, forse quaranta persone coinvolte: una maxi rissa scoppiata nel cuore della notte, in piazza Bellini, centro della movida della zona antica di Napoli ha seminato il panico tra i frequentatori abituali della zona, popolata da numerosi bar, birrerie e pub di vario tipo. Non si conoscono bene le ragioni di quello che può essere etichettato tranquillamente come uno scontro tra bande: l'ora tarda, qualcuno con una birra (e una ‘canna' di troppo in corpo) e così, racconta chi c'era, si è partiti da una discussione e si è arrivati rapidamente alla violenza. Il fatto è avvenuto poco dopo l'una e mezza sul lato "basso" della piazza, quello per intenderci più vicino a Port'Alba. Calci e pugni in quantità, poi inevitabilmente sono volate anche sedie e le bottiglie vuote di birra. "Uno dei due gruppi che si fronteggiavano in piazza – racconta a Fanpage.it un testimone – ad un certo punto è scappato perché aveva avuto la peggio. Nemmeno cinque minuti dopo il gruppo si è ripresentato con altre persone e la rissa è ripresa più feroce di prima". La polizia che solitamente presidia piazza Bellini almeno fino a mezzanotte, non c'era, è arrivata soltanto dopo una ventina di minuti quando il peggio era già accaduto, i protagonisti dello scontro si erano dileguati e la zona si era quasi svuotata. Resta da capire quali siano i motivi scatenanti: qualcuno ha ipotizzato uno scontro tra alcune anime della tifoseria ultras del Napoli che in piazza Bellini tradizionalmente si incontrano, ma l'ipotesi è stata esclusa da esponenti della tifoseria partenopea, interpellati da Fanpage.it.

Non è la prima volta che si pone il tema della sicurezza per piazza Bellini a Napoli: nel marzo dello scorso anno una violenta aggressione ai danni del dipendente di un noto locale della zona generava indignazione e addirittura una mobilitazione pubblica. Oggi piazza Bellini è il centro pressoché unico di concentrazione della movida napoletana nella zona antica, passati di moda (per il momento) vecchi punti di incontro come piazza del Gesù, piazza San Domenico Maggiore, Santa Maria la Nova, un lato di piazza Dante e Largo San Giovanni Maggiore Pignatelli. Dal venerdì in poi e per tutto il fine settimana piazza Bellini arriva a contenere migliaia di persone che affollano i baretti della zona. "C'è poca vigilanza – lamenta un esercente che lavora e vive nella zona – e riscontro il ritorno massiccio dello spaccio di droga. Non è solo quello il problema, però. Nonostante piazza Bellini sia il punto di incontro dei ragazzi a Napoli è sempre sporca e perfino per deratizzare contro le blatte abbiamo provveduto a spese nostre".