La Polizia ha effettuato, nei giorni scorsi, una serie di verifiche nei bed and breakfast situati tra la Stazione Centrale di Napoli, piazza Mercato, Porta Capuana e la zona dei Tribunali. Gli agenti del commissariato Vicaria Mercato e del Reparto Prevenzione Crimine Campania, impegnati in un servizio straordinario mirato, hanno controllato 13 strutture ricettive, per appurare che fossero in regola sia sotto il profilo delle autorizzazioni sia sotto quello delle comunicazioni per quanto riguarda gli ospiti. In un B&B di via San Giovanni a Mare, nel quartiere Mercato, gli agenti hanno accertato che c'era un cittadino straniero, un giovane di 24 anni brasiliano, sprovvisto di qualsiasi documento di identificazione; il ragazzo è stato denunciato per ingresso e soggiorno illegale nel territorio Italiano. In via Carriera Grande, nei pressi di Porta Capuana, è stato denunciato il gestore di un affittacamere, che aveva affittato delle stanze della propria abitazione: è emerso che non aveva mai effettuato la richiesta di SCIA (Segnalazione certificata di inizio attività edilizia), obbligatoria, né aveva richiesto l'accesso per il portale degli alloggiati web, obbligatorio e necessario per la comunicazione dell'avvenuta ospitalità. Denunciato per non aver comunicato di aver ospitato delle persone anche il titolare di un bed and breakfast di via Tribunali. Per alcuni immobili controllati sono in corso ulteriori accertamenti urbanistici per verificare la regolarità delle strutture.

A fine settembre controlli analoghi erano stati effettuati dalla Polizia Municipale, che aveva visitato delle strutture ricettive a Chiaia, tra b&b, case vacanza e affittacamere. Anche in quel caso erano emerse delle irregolarità: il gestore di un bed and breakfast aveva ottenuto l'autorizzazione per due camere e 5 posti letto, ma affittava 3 camere per un totale di 9 posti letto.