Tragedia a Castelfranci, in provincia di Avellino, dove un uomo è precipitato in un pozzo. Per lui non c'è stato nulla da fare: l'uomo è stato recuperato ormai privo di vita. Si tratta di un 83enne del posto: l'uomo, dopo essere caduto in un pozzo artesiano di circa trenta metri di profondità in località Baiano, è riuscito a chiamare i carabinieri, subito accorsi sul posto assieme ai vigili del fuoco del distaccamento di Montella.

Sono intervenuti per recuperare il corpo dell'uomo anche uomini del nucleo sommozzatori dei Vigili del Fuoco provenienti da Napoli, che hanno coadiuvato i vigili del fuoco del comando irpino ed i carabinieri. Ma per l'uomo, purtroppo, non c'è stato nulla da fare: una volta recuperato il corpo, privo di vita, è stato consegnato e messo a disposizione dell'autorità giudiziaria, per tutta la trafila del caso. L'uomo, infatti, era riuscito ad avvisare le forze dell'ordine poco dopo essere caduto all'interno del pozzo artesiano (ovvero un particolare tipo di pozzo che viene scavato direttamente nel suolo per raggiungere una falda acquifera che "manda" acqua in superficie senza mezzi tecnici, ma solo per effetto della pressione idrostatica), ma purtroppo per lui, complice probabilmente anche il clima gelido di queste ore su tutta la Campania ed in particolare sulla provincia irpina, non c'è stato nulla da fare. Sarà comunque l'autopsia a fare ulteriore chiarezza sulle cause della morte, così come i rilievi delle forze dell'ordine chiariranno come sia caduto all'interno del pozzo, profondo circa trenta metri in località Baiano, nel comune avellinese di Castelfranci.