Sgominata la banda che spacciava tra i giovani e i giovanissimi del Vomero, quartiere collinare di Napoli e luogo di aggregazione, soprattutto durante il fine settimana. I carabinieri della locale compagnia, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia partenopea, hanno eseguito 10 ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip del Tribunale di Napoli nei confronti di 10 soggetti: 1 in carcere, 7 agli arresti domiciliari, mentre altri 2 sono attualmente irreperibili; le accuse sono di associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e furto aggravato in danno di un istituto scolastico.

La banda finanziava lo spaccio con i furti nelle scuole

Le indagini hanno rivelato che la banda finanziava l'attività di spaccio mediante furti nelle scuole. L'attività investigativa ha preso le mosse nel 2018, proprio in seguito ad un furto in una scuola media del quartiere Vomero, nella quale sei persone, componenti della banda, avevano rubato computer e pianole elettriche. Le indagini hanno rivelato che, con i proventi della vendita delle attrezzature rubate nella scuola, i malviventi finanziavano l'acquisto della droga per avviare l'attività di spaccio tra piazza Immacolata e piazza Medaglie d'Oro, frequentate da giovani e giovanissimi, anche minorenni, soprattutto durante i weekend. Lo spaccio, poi, avveniva in due modalità: alcuni componenti del gruppo stazionavano nelle piazze in attesa dei clienti, oppure il pusher si spostava costantemente, raggiungendo il cliente a bordo di uno scooter ed effettuando la cessione della droga.