Primarie Pd, la Procura di Napoli apre un fascicolo dopo i video di Fanpage.it. "Ci hanno prelevato dai centri di accoglienza e portati ai seggi elettorali. Ci hanno detto di votare il terzo candidato (Matteo Renzi, ndr.)". Queste le parole, alle telecamere del nostro giornale, di un migrante ospite in un centro di accoglienza di Ercolano, in provincia di Napoli. Ombre pesanti come macigni sullo svolgimento delle primarie in un seggio della cittadina all'ombra del Vesuvio.

E ora, la sezione "Reati contro la Pubblica Amministrazione" della procura partenopea, diretta dal pm Alfonso D'Avino, ha aperto un fascicolo sul Modello 45, ovvero fatti senza ipotesi di reato, dando il via così ad un'indagine conoscitiva che, nei prossimi giorni, porterà all'acquisizione di atti. Nel video di Fanpage.it il giovane immigrato, ospite nel centro d'accoglienza di San Vito ad Ercolano, spiega che nessuno di loro conosceva il motivo per cui fossero stati portati nel seggio a votare, ma di aver ricevuto indicazioni soltanto di barrare il nome di Matteo Renzi. "L'ho fatto perché ho pensato potessero aiutarmi a mettermi in regola con i documenti" ha spiegato.