Pazienti oncologici, malati di tumore, provenienti da tutta la Regione Campania, ma anche da altre regioni d'Italia, convinti di sottoporsi a una terapia innovativa ma ufficiale, e invece curati con un farmaco sperimentale, il cui utilizzo non era stato approvato dalle autorità competenti: una maxi truffa è stata scoperta, ai danni del Sistema Sanitario Regionale, a Torre Annunziata, nella provincia di Napoli. I carabinieri, su disposizione del gip del Tribunale di Torre Annunziata, hanno fatto irruzione nel Centro Medico Opolonti, struttura sanitaria della cittadina della provincia partenopea, effettuando un sequestro preventivo di uno strumento Pet/Tac e di tutta la strumentazione necessaria alla somministrazione del farmaco sperimentale, denominato Rame Cloruro 64, nonché di alcune somme in denaro ritenute provento della truffa attuata ai danni del Sistema Sanitario Regionale.

Le indagini dei carabinieri e dei magistrati si sono concentrate in un periodo che va dal mese di agosto del 2015 a quello di luglio del 2018. Secondo quanto appurato, all'interno della struttura sanitaria sarebbero state effettuate circa 700 diagnosi con l'apparecchiatura Pet/Tac che è stata posta sotto sequestro, e quindi poi somministrato impropriamente il farmaco Rame Cloruro 64, che era stato però autorizzato soltanto per un utilizzo sperimentale. Inoltre, il Centro Medico Oplonti avrebbe richiesto al Sistema Sanitario il rimborso della prestazione anche quando questa non veniva eseguita: così facendo, secondo quanto calcolato dagli inquirenti, il danno alla sanità campana sarebbe stato quantificato in 190mila euro, mentre 800mila euro sarebbe stata l'entità della truffa tentata.