Lucia Ferrara [Foto da Facebook]
in foto: Lucia Ferrara [Foto da Facebook]

Tragedia a Salerno, dove una ragazza di 17 anni, Lucia Ferrara, è morta all'ospedale Ruggi d'Aragona dopo un intervento al cuore. La giovane, originaria di Cava de' Tirreni, era stata trasferita nel nosocomio salernitano proprio provenendo da quello metelliano dove era stata inizialmente ricoverata: due giorni dopo l'intervento chirurgico al cuore, sostenuto al Ruggi d'Aragona, la giovane è morta. A nulla sarebbe servito, a quanto pare, un trapianto, visto che il quadro clinico era già compromesso: nonostante i tentativi dei medici di salvarle la vita, la giovane è deceduta.

Sconcerto e rabbia tra i familiari della giovane, che ora vogliono delle risposte e per farlo si sono rivolte ai carabinieri. Sulla vicenda, toccherà ora alle forze dell'ordine fare chiarezza: già posta sotto sequestro la cartella clinica della giovane, così come potrebbe toccare nelle prossime ore alla salma, sulla quale potrebbe essere effettuata un'autopsia per cercare di capire le effettive cause del decesso. Pare che la giovane soffrisse di una cardiopatia congenita, e che si fosse sottoposta ad un'operazione per sistemare una valvola cardiaca, una sorta di operazione quasi di routine. Ma è qui che la famiglia vuole vederci chiaro: dopo l'operazione, la giovane sarebbe stata sottoposta ad una seconda operazione, poi avrebbe iniziato ad aggravarsi. E alla fine, dopo due giorni, è morta all'interno della struttura. La magistratura è già al lavoro per ricostruire tutti i passaggi ed ascoltare le testimonianze dei presenti. Per cercare di capire come la giovane di Cava dei Tirreni sia morire per un intervento considerato ‘quasi' di routine.