immagine di repertorio
in foto: immagine di repertorio

Un uomo è deceduto nella tarda serata di ieri, 24 novembre, in seguito a un incendio che si è sviluppato in un prefabbricato in legno di Laviano, in provincia di Salerno. Si sarebbe accorto delle fiamme quando già erano alte, probabilmente è stato sorpreso nel sonno e, malgrado abbia tentato di uscire dall'edificio, è rimasto intrappolato ed è stato ucciso dal fuoco. La vittima, 80 anni, è originaria di Napoli, probabilmente era in vacanza nel piccolo comune salernitano, in località Campo Piano, nell'Alta Valle del Sele.

Le indagini sono in corso, ma stando ai primi rilievi è verosimile che si sia trattato di un incidente: le fiamme sarebbero state originate da un corto circuito all'impianto elettrico o da una stufa difettosa e il fuoco avrebbe rapidamente aggredito arredi e altri oggetti infiammabili nelle vicinanze, avvolgendo l'intero locale dove si trovava l'ottantenne; la struttura del prefabbricato, interamente in legno, avrebbe favorito l'espansione delle fiamme.

La vittima avrebbe provato a scappare, ma sarebbe stata sopraffatta dal fuoco. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione locale e i Vigili del Fuoco. Dopo aver spento le fiamme, i pompieri hanno avviato i sopralluoghi, estraendo il corpo dell'anziano; per lui non c'era purtroppo più nulla da fare.

Sono in corso ulteriori accertamenti per individuare il punto in cui si sono originate le fiamme e per confermare l'ipotesi del corto circuito, che al momento è quella ritenuta maggiormente verosimile; possibile anche che il rogo sia stato causato da una stufa che si trovava all'interno del prefabbricato e che potrebbe essere stata difettosa. La pista dolosa è stata esclusa nella fase iniziale delle indagini, non sono stati trovati inneschi o tracce di liquido infiammabile.