Cede la strada a Santa Maria Capua Vetere: una parte del corso Aldo Moro è infatti sprofondata la scorsa notte, causando la chiusura della strada al traffico e costringendo anche allo sgombero di alcune famiglie che vivevano nel palazzo limitrofo. Al momento, è stata disposta l'inversione del senso di marcia su via Porta di Giove per ripristinare la circolazione verso Caserta, mentre gli sfollati, in tutto dodici persone, sono state alloggiate temporaneamente altrove, in attesa che il palazzo interessato venga dichiarato agibile: l'evacuazione è avvenuta infatti a scopo precauzionale, trovandosi a ridosso della voragine, apertasi proprio davanti allo stabile.

Dai primi accertamenti, sembrerebbe che la voragine sia stata causata da una perdita d'acqua, sulla quale stanno già lavorando i tecnici del comune. Una volta sistemata questa, si provvederà poi a colmare la voragine e riaprire la strada. Potrebbe essere stata proprio una perdita ed una rottura del tubo di allaccio alla rete fognaria da parte dell'edificio attualmente sgomberato. "Oggi la nostra città è stata colpita dal cedimento di una parte di sede stradale in Corso Aldo Moro", si legge in una nota diffusa dall'amministrazione comunale sammaritana, "con i vigili del fuoco intervenuti sul posto si è immediatamente attivata la macchina comunale con la Polizia Municipale, la Protezione Civile, l’Ufficio Tecnico Comunale, i Servizi sociali, il Sindaco Antonio Mirra e il vice Rosida Baia". La situazione potrebbe risolversi in tempi relativamente brevi, mentre le famiglie potrebbero fare rientro nelle loro abitazioni già dopo la riparazione del guasto, che permetterebbe di poter riutilizzare anche i servizi idrici.