"Non era una celebrazione pubblica. Sono profondamente spiaciuto, e pronto ovviamente ad assumermi le mie responsabilità, rispetto alle decisioni che le autorità prenderanno". Sono le parole con cui don Giovanni De Riggi, parroco di Santa Maria Delle Vergini a Scafati (Salerno), si è scusato pubblicamente per la messa della Veglia Pasquale celebrata con decine di persone presenti la notte del 11 aprile nonostante i divieti anti coronavirus, interrotta dall'intervento dei carabinieri.

Messa di Pasqua non autorizzata, parroco di Scafati si scusa

"Nessuna volontà di violare la legge, fino ad oggi abbiamo sempre osservato con rispetto e puntualità, le indicazioni del Governo e della nostra Diocesi. Purtroppo da una mia lettura della circolare del Ministero dell'interno del 27 marzo, Direzione centrale per gli Affari dei Culti, avevo dedotto di poter celebrare nel rispetto di quanto in esso indicato. Alla celebrazione, tenuta a porte chiuse, erano infatti presenti le figure previste, assieme a loro familiari, opportunamente disposte una per banco, nel pieno rispetto della distanza sociale imposta, senza assembramenti", si legge nel comunicato del parroco.

L'intervento dei carabinieri allertati da molte segnalazioni

Incuranti delle misure di contenimento anti coronavirus, decine di persone si sono riunite sabato sera nella chiesa di Santa Maria delle Vergini per la messa di Pasqua. Solo l'intervento dei carabinieri, allertati da molte segnalazioni corredate anche di video e fotografie, ha bloccato la cerimonia. I militari sono arrivati in piazza Vittorio Veneto intorno a mezzanotte, con quattro automobili, e hanno fatto allontanare la folla che si era radunata. Le persone sono uscite dopo alcuni minuti, secondo alcune testimonianze nella chiesa ce ne sarebbero state almeno una trentina. "Ho saputo di un fatto increscioso, che sicuramente sarà stato mosso da sentimenti di fede quello di un assembramento nella nostra parrocchia Santa Maria delle Vergini, avvenuto ieri sera. Credo che questo sia un atteggiamento censurabile sotto tutti i profili", ha commentato su Facebook il sindaco di Scafati, Cristoforo Salvati.