Scritte di contestazione contro la Lega a Marcianise, nel Casertano. Nella notte, ignoti hanno scritto sulle mura all'ingresso della sede del partito di Matteo Salvini nel comune casertano slogan contro il Carroccio. Da "Sciacalli su Bibbiano" a "Cacciateli i soldi, 49 milioni di euro", fino ad un più drastico ed intimidatorio "Lega Marcianise, merda che marcisce". L'episodio è stato denunciato da Pasquale Colella, commissario cittadino del partito. Le scritte, realizzate con uno spray nero, sono state realizzate ai lati dell'ingresso della sede della Lega di Marcianise su via Grillo. Colella ha poi spiegato che "questi atti non ci intimidiscono, e spero che siano assicurati alla giustizia i colpevoli delle scritte. Ci sono", ha continuato ancora Colella, "delle telecamere posizionate per i controlli di vari esercizi commerciali, in via Grillo, che potrebbero contribuire a smascherare gli autori del gesto". Colella ha poi spiegato che dalla comunità locale sono giunti diversi messaggi di solidarietà, così come da Valentino Grant, neo-eletto parlamentare europeo della Lega. Colella ha fatto anche sapere che ha denunciato il gesto al commissariato di polizia locale.

Queste le parole di Pasquale Colella subito dopo la denuncia dell'episodio, che ha poi segnalato anche sui social network:

Non ci lasciamo intimidire da nessuno! Spero sia stata opera di qualche balordo. Abbiamo provveduto a denunciare il vile atto intimidatorio. Probabilmente, i consensi ottenuti dal nostro Capitano Matteo Salvini, nonché quelli ottenuti anche sul territorio, preoccupano i suoi antagonisti politici che reagiscono in maniera scomposta ed inappropriata. Speriamo che accadimenti di tale portata facciano comprendere a tutti l’importanza di una Politica fondata sulla correttezza comportamentale e sul civile e pacato confronto democratico.