"Ci sono problemi di sicurezza da affrontare per l'avvio dell'anno scolastico. Dobbiamo dare le mascherine a tutti gli studenti delle medie e delle medie superiori e fare i tamponi all'inizio dell'anno scolastico a tutto il personale docente, che per la Campania credo ammonti a oltre 110mila unità. Ci stiamo preparando a fare i tamponi a tutti. Questa è l'unica cosa seria che possiamo fare per tutelare la salute dei ragazzi. Il resto è aria fritta". Lo annuncia il governatore della Campania Vincenzo De Luca, intervenuto in diretta web, che negli scorsi giorni era stato critico nei confronti del Governo sulle misure per l'inizio dell'anno scolastico 2020-21.

"La Regione Campania – ha spiegato De Luca – è l'unica dìItalia che non ha dato l'intesa al Governo e al ministro della Pubblica Istruzione in primo luogo per la scelta irresponsabile di far votare il 20 settembre, il che significa un'interferenza delle elezioni amministrative regionali e politiche con l'apertura dell'anno scolastico. In questi giorni abbiamo assistito al voto amministrativo in Francia. Noi avevamo proposto di votare a fine luglio. Ci saremmo liberati di tutti i problemi e avremmo potuto dedicare agosto e settembre solo alla scuola. Hanno fatto un'altra scelta, premesso il nostro dissenso radicale, hanno fatto prevalere la politica politicante sulle esigenze delle famiglie e del mondo della scuola. Noi ci stiamo preparando a fare in modo che anno scolastico possa cominciare in modo tranquillo. In primo luogo, bisognerebbe intervenire sull'organico. Si pensa di iniziare l'anno senza avere i docenti a disposizione, ma la sicurezza significa partire avendo stabilizzato i docenti, cosa non ancora avvenuta e che temo non avverrà. In secondo luogo, ci sono i problemi di sicurezza da affrontare e noi come Campania lo faremo con le mascherine agli studenti e i tamponi al personale docente".