3.711 CONDIVISIONI
Covid 19
24 Marzo 2020
11:37

Senzatetto morto di freddo in Galleria Umberto a Napoli. Assistenza tagliata causa Coronavirus

Notte di gelo e solitudine a Napoli, senza fissa dimora trovato morto in galleria Cadavere ritrovato da soldati che stavano per iniziare servizio. È grande in questi giorni la difficoltà dei servizi sociali e del volontariato nell’assistere i clochard viste le numerose restrizioni e la paura del contagio da Coronavirus.
3.711 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Solitudine, abbandono. Distanza sociale significa anche questo: difficoltà nell'aiutare chi è più solo. E nei giorni drammatici della serrata totale causa rischio contagio da Coronavirus nessuno pensa a chi un tetto non ce l'ha e restare a casa non può. Ieri notte temperature rigide a Napoli, tra i 2 e i 6 gradi. E stamane in Galleria Umberto I, nel cuore di Napoli, è stato trovato morto un clochard che solitamente riparava nella struttura monumentale. Il corpo privo di vita è stato scoperto stamani dai militari dell'Esercito mentre si recavano al lavoro a Palazzo Salerno.

Il senza fissa dimora, si apprende dall'Esercito, era riverso a terra e non dava segni di vita; i militari hanno chiamato il 118 che ne ha constatato il decesso. Questa notte Napoli è stata colpita da un'ondata di freddo intenso con temperature vicine allo zero. Nella Galleria, deserta, sono intervenuti anche i carabinieri che hanno eseguiti gli accertamenti e una pattuglia dell'Esercito impiegata nell'operazione "Strade Sicure" che ha chiuso l'accesso per evitare assembramenti di curiosi.

A Napoli i senza fissa dimora, secondo i dati Istat, sono circa 1.700.  In questa fase assisterli è drammatico: sono chiuse le principali mense, sono off-limit i centri diurni per ordine della Regione Campania. Perfino i volontari che consegnavano i pasti non possono farlo per il rischio di violare l'ordinanza. In un servizio di Fanpage.it un volontario  della cooperativa "La Locomotiva" aveva fatto un quadro spietato:

Ci si è dimenticati dei senza fissa dimora, per loro rispettare lo slogan #iorestoacasa è tecnicamente impossibile. Si tratta di 1700 persone che non hanno più le mense, i centri diurni e nemmeno un bar dove potevano chiedere di andare in bagno. Anche i volontari che distribuivano i pasti sono fermi. È necessario prevedere un posto in cui possano stare, si tratta di persone esposte al contagio e che a loro volta possono rischiare di contagiare la comunità.

3.711 CONDIVISIONI
31860 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni