Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Non hanno esitato a sfruttare i loro due figli piccoli, due bambini di soli quattro e sette anni, per cercare di mettere a segno un furto in un discount dell'hinterland napoletano. Ma i genitori, una coppia già nota alle forze dell'ordine, sono stati scoperti e arrestati con l'accusa di furto aggravato. L'episodio è accaduto in un esercizio commerciale di Casalnuovo di Napoli. Stando a quanto ricostruito dai carabinieri di Casalnuovo e della compagnia di Castello di Cisterna, papà e mamma di 27 e 26 anni si sono recati con i figli piccoli nei pressi del discount. Il padre è rimasto fuori a fare da palo mentre la madre è entrata con i due bambini nel negozio. Una volta all'interno la donna ha rubato un televisore dal costo di circa 300 euro e lo ha affidato al figlio più grande. Poi gli ha detto di uscire dal negozio mentre lei si è messa in fila alla cassa, fingendo di dover pagare.

A dare l'allarme una cassiera del discount

La donna probabilmente sperava che il bambino, considerando la sua altezza, sarebbe riuscito a superare le casse senza essere notato. Ma una cassiera si è invece accorta degli strani movimenti della famiglia e ha dato l'allarme, chiamando i carabinieri. I militari dell'Arma sono intervenuti nel giro di pochi minuti, bloccando la famiglia mentre tentava di scappare. La refurtiva è stata subito riconsegnata al gestore del discount. Per marito e moglie, una coppia di nazionalità romena domiciliata con i bimbi a Castellammare di Stabia, è scattato invece l'arresto. Il provvedimento è stato convalidato dal giudice per le direttissime che però ha rimesso in libertà i due. In attesa del processo solo la mamma dovrà presentarsi ogni giorno alla polizia giudiziaria: il papà invece attenderà la decisione del giudice a piede libero.