Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

I carabinieri sono andati in casa sua dopo aver ricevuto diverse segnalazioni. E, quando sono arrivati nel cortile, l'hanno trovato lì, accasciato al suolo, agonizzante: il cavallo era in fin di vita, ferito con più tagli al collo e all'addome. Inutile l'intervento del veterinario dell'Asl: l'animale è morto poco dopo. Il proprietario è stato denunciato.

La scoperta a Sant'Agata de' Goti, in provincia di Benevento, nella mattinata di ieri, 12 luglio. I militari erano stati avvisati da alcuni vicini di casa, che dai rumori e dai movimenti che arrivavano da un'abitazione si erano accorti di quello che stava succedendo. Sono stati indirizzati versi l'abitazione di un residente di 90 anni del posto e l'hanno ispezionata; hanno così trovato il cavallo in condizioni gravissime, con profonde ferite alla gola. Era stato accoltellato una manciata di minuti prima ma già aveva perso parecchio sangue.

L'uomo ha spiegato ai militari che non poteva più mantenere il proprio cavallo e, quindi, aveva deciso di sgozzarlo per poi macellarlo. Senza però seguire la prassi né le regole: aveva deciso di ammazzarlo nel suo cortile, con dei coltelli. Così aveva portato l'animale davanti la sua abitazione e l'aveva colpito al collo e all'addome.

I militari hanno immediatamente allertato il servizio veterinario dell'Asl di Montesarchio chiedendo l'invio sul posto di un medico per cercare di salvare il cavallo, ma non c'è stato verso: è morto poco dopo la scoperta dei carabinieri. La carcassa è stata rimossa. L'anziano è stato denunciato per uccisione di animali.