Un uomo di 57 anni è stato bloccato dagli agenti della Polizia Ferroviaria dopo che aveva iniziato a masturbarsi davanti ad una donna all'interno del treno Caserta-Napoli. La vicenda è accaduta nel pomeriggio di ieri, giovedì 11 luglio, a bordo del treno regionale che collega le due città capoluogo campane: stando a quanto accertato dalle forze dell'ordine, l'uomo si sarebbe prima seduto di fronte alla donna, per poi aprirsi i pantaloni e masturbarsi davanti a lei. Sotto choc la donna, che si è alzata e si è allontanata rapidamente dall'uomo.

La giovane donna ha iniziato ad urlare percorrendo il vagone fino a raggiungere il capotreno, informandolo di quanto fosse appena accaduto. A quel punto, il capotreno ha subito segnalato la vicenda al Centro Operativo del Compartimento di Polizia Ferroviaria per la Campania. Gli agenti sono così giunti sul posto ed hanno individuato immediatamente l'uomo che si era reso protagonista della vicenda, grazie anche alle indicazioni fornite dalla giovane viaggiatrice che, ancora turbata e sotto choc, è riuscita a fornire elementi utili per rintracciare l'uomo, ancora nel vagone ferroviario. Gli agenti hanno così provveduto a sanzionarlo per atti osceni in luogo aperto al pubblico e comminandogli una maxi-multa di diecimila euro.

Una vicenda che ricorda quella che aveva visto protagonista un imprenditore di 40 anni di Fuorigrotta, che qualche mese fa aveva inseguito e molestato una giovane donna in Tangenziale mentre si masturbava: dopo averla seguita per circa otto chilometri e rischiando di provocare diversi incidenti, la Polizia Stradale era riuscito alla fine ad identificarlo e denunciarlo per il reato di violenza privata.