Piacevole scoperta, questa mattina, nel sito Archeologico di Pompei. Durante gli scavi e i lavori di restauro alla Schola Armaturarum, nella quale è in corso anche il recupero degli affreschi originali salvatisi dal bombardamento del 1943, gli archeologi hanno rinvenuto, nella parte retrostante alla Schola, delle anfore – in tutto 14 – di epoca romana conservate perfettamente: come si evince dai numeri dipinti al loro interno, le anfore dovevano essere adibite a contenitori di olio, vino e salse; l'ambiente nel quale sono state rinvenute, verosimilmente, deve essere stato una specie di deposito. Al termine dei lavori di scavo – iniziati a luglio – previsto per la fine di dicembre, le anfore, insieme ad altri reperti che si spera verranno rinvenuti, saranno esposte all'interno del sito archeologico.

Siamo contenti delle scoperte che stanno emergendo. Pompei ha iniziato una nuova stagione, quella di una ricerca archeologica intensa e del prosieguo della conoscenza del sito. Dopo il suo recupero, attraverso le messe in sicurezza di tutte le sue regiones, l’apertura di nuove domus restaurate, la restituzione alla fruizione di interi quartieri finora inaccessibili, grazie al recupero della percorribilità di quasi tutte le vie urbane, ci si può dedicare anche ad attività di scavo, che si affiancano alla manutenzione programmata e che consentiranno di fornire nuove ipotesi alla storia della vita quotidiana degli antichi, in alcuni casi dando risposta a quesiti irrisolti, come potrebbe essere per la Schola Armaturarum" ha dichiarato il direttore degli Scavi di Pompei Massimo Osanna.