Spaccio di droga in pieno giorno nella zona della Stazione Centrale di Napoli, che è tornata ad essere affollata dopo il lockdown imposto dall'emergenza Coronavirus, dal momento che sono ripresi gli spostamenti tra le regioni. Due spacciatori sono stati arrestati in flagranza di reato dalla Polizia Ferroviaria nell'ambito di due distinte operazioni. Gli agenti della Polfer, impegnati in controlli nello scalo ferroviario partenopeo, hanno notato un giovane che, con fare sospetto, si aggirava per la stazione e cedeva una dose di droga ad un'altra persona con la quale si era intrattenuto in una conversazione. Il giovane, un 25enne originario del Gambia e già noto alle forze dell'ordine, è stato subito fermato dai poliziotti, che lo hanno trovato in possesso di alcune dosi di eroina e di denaro contante, ritenuto provento dell'attività illecita: il 25enne è stato così arrestato per detenzione di sostanza stupefacente finalizzata allo spaccio.

Ancora, durante controlli antidroga, gli agenti della Polfer hanno notato un uomo che si aggirava con fare sospetto in piazza Principe Umberto, nelle vicinanze della Stazione Centrale. I poliziotti, dopo un appostamento, hanno notato il 35enne mentre cedeva droga ad un acquirente, intervenendo e bloccando entrambi. L'assuntore è stato segnalato alla competente Autorità Giudiziaria, mentre il 35enne, cittadino senegalese, è stato arrestato per detenzione di sostanza stupefacente finalizzata allo spaccio, nonché per evasione, visto che era sceso in strada a vendere droga nonostante fosse già sottoposto agli arresti domiciliari per reati analoghi.