Lo hanno tirato fuori dall'automobile, lo hanno colpito alla testa col calcio della pistola e, prima di dileguarsi, gli hanno sparato ferendolo a un piede. Sembra una spedizione punitiva quella avvenuta poco dopo le 21 di ieri a Cercola, nella zona di Caravita, al confine col quartiere napoletano di Ponticelli, ai danni di un 31enne del posto con precedenti di polizia; il ragazzo è andato al Pronto Soccorso dell'ospedale evangelico Villa Betania, dove è stato medicato per le ferite e dimesso con 10 giorni di prognosi.

Sull'episodio sono in corso indagini, affidate alla Polizia di Stato. Gli agenti del commissariato locale sono intervenuti ieri sera al Pronto Soccorso e hanno ascoltato la versione della vittima, su cui sono in corso accertamenti. Il 31enne ha raccontato che poco prima, mentre era in automobile con un amico in via Argine, è stato bloccato da due persone arrivate su uno scooter. Entrambe avevano il casco integrale, impossibile riconoscerli né fornire indicazioni sulla loro fisionomia. I due lo hanno costretto a fermarsi, lo hanno tirato fuori a forza dall'abitacolo e lo hanno aggredito. Prima un colpo alla testa con il calcio della pistola, poi gli hanno sparato, mirando al piede. E subito dopo sono scappati.

Il giovane non dovrà essere sottoposto ad operazione chirurgica, la pallottola è entrata e uscita; è stato giudicato guaribile in 10 giorni per la ferita al piede destro e la lacerazione al cuoio capelluto. I poliziotti stanno cercando di ricostruire quello che è successo anche con l'ausilio delle videocamere di sorveglianza; indagini anche sul passato del ragazzo e sui suoi precedenti problemi con la giustizia.