387 CONDIVISIONI
Coronavirus
3 Giugno 2020
13:27

Fase 3 Campania, a Napoli file in Stazione centrale: “Non c’è il termoscanner”

A partire da oggi, 3 giugno, dopo quasi tre mesi sono consentiti nuovamente gli spostamenti tra regioni. Alla Stazione Centrale di Napoli, chi parte e chi arriva è diviso in due distinti percorsi, mentre operatori misurano la temperatura corporea con i termometri a distanza. Divisa l’utenza: molti si sentono rassicurati, ma altri lamentano la mancanza di termoscanner automatico e la misurazione della temperatura manuale, con il conseguente formarsi di troppe file.
A cura di Valerio Papadia
387 CONDIVISIONI
3 giugno, controlli in stazione / foto P. Pace
3 giugno, controlli in stazione / foto P. Pace
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

La tanto paventata normalità, o quasi, spesso da alcuni anche temuta per il pericolo di una nuova impennata dei contagi, è arrivata: da oggi, mercoledì 3 giugno, anche in Campania, come nel resto d'Italia, sono nuovamente consentiti gli spostamenti tra regioni. Molti italiani che vivono, studiano e lavorano in altre regioni e che sono stati prudenti, evitando di tornare dalle proprie famiglie, da oggi possono farlo senza riserve. Come ha potuto verificare Fanpage.it, alla Stazione Centrale di Napoli sono rigidi i controlli: due file distinte e separate, con tanto di percorsi indicati da frecce e nastro di delimitazione, distinguono i passeggeri in partenza da quelli che arrivano. Inoltre, operatori misurano la temperatura corporea delle persone presenti nello scalo ferroviario partenopeo con i termometri a distanza. Tutti i passeggeri sono dunque d'accordo su una cosa: almeno da quello che hanno potuto constatare nel loro percorso, soltanto a Napoli si sono imbattuti in tutti questi controlli e in questa rigorosa organizzazione.

Proprio sui controlli, però, l'utenza che questa mattina si è trovata a transitare per la stazione in piazza Garibaldi si divide: molti si sono sentiti rassicurati dalla rigidità dei controlli. Altri, però, li hanno trovati eccessivi: le loro rimostranze si concentrano soprattutto sulla modalità della misurazione della temperatura, che a Napoli come detto viene eseguita manualmente, da operatori dotati di termometri a distanza, che richiede più tempo e contribuisce alla formazione di code. Alcuni suggeriscono che si sarebbe potuto utilizzare il termoscanner automatico, come quello adottato ad esempio alla stazione Termini di Roma.

387 CONDIVISIONI
27002 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni