16 Maggio 2015
11:57

Strage di Secondigliano, le condizioni dei feriti. Il vigile Cinque è in coma

Mentre si piangono le quattro vittime, il vigile Francesco Bruner, il fratello e la cognata di Murolo e il passante Luigi Cantone, preoccupano le condizioni di Vincenzo Cinque, il vigile urbano colpito al collo. Gli altri feriti non sono in pericolo di vita.
A cura di Redazione Napoli

Le condizioni di uno dei feriti della sparatoria di Secondigliano, la strage che ha fatto quattro morti, causata dall'infermiere Giulio Murolo, preoccupano i medici. Il ferito in condizioni serie è Vincenzo Cinque, il vigile rimasto gravemente ferito al collo e al torace nella sparatoria di Secondigliano dove un uomo ucciso 4 persone e ferito altre sei. Dalla direzione sanitaria della Asl Napoli 1 fanno sapere che il paziente, ricoverato al San Giovanni Bosco, è stato sottoposto a Tac per valutare le condizioni in funzione di una operazione chirurgica, condizioni giudicate non compatibili. Cinque resta in prognosi riservata, in rianimazione e in coma indotto. "Le sue condizioni – ha spiegato Ernesto Esposito direttore generale della Asl Napoli 1 – sono stabili. Gli esami a cui è stato sottoposto il paziente – ha aggiunto – hanno evidenziato il miglioramento di alcuni parametri vitali".

Le condizioni dei feriti a Secondigliano

Diverso e più rassicurante il quadro clinico degli altri feriti le cui condizioni non vengono giudicate preoccupanti. Gli altri feriti dal folle sparatore sono i poliziotti Cristoforo Cozzolino e Umberto De Falco, il carabiniere Luigi Christian Infante e due passanti, Salvatore Michele Varriale e Luigi Capasso. De Falco, in forza all'Ufficio prevenzione Generale ieri per rassicurare i suoi amici e i parenti ha inviato un selfie dall'ospedale: "Ragazzi sto bene, grazie per l'affetto che mi state dimostrando", ha scritto nel messaggio riportato dal quotidiano "Cronache di Napoli".

L'elenco di morti e feriti a Secondigliano

La Questura di Napoli ha diramato un bollettino che spiega, in maniera netta, chi sono i feriti e chi sono i defunti in questo giorno di ordinaria follia.

Le vittime sono Francesco Bruner, nato nel 1955, capitano dei vigili urbani di Napoli, in servizio al Comando Ufficio Ispettivo e vicino di casa dell'omicida; Luigi Murolo, fratello dell'assassino, nato nel 1963; Concetta Uliano, moglie di Luigi, cognata del killer, classe 1964; Luigi Cantone, professione fioraio, classe 1956, che si trovava in zona per caso.

I feriti sono l'ispettore di polizia Cristoforo Cozzolino, in servizio presso il Commissariato di P.S. Secondigliano, feritoalle braccia; l'assistente capo Umberto De Falco, in serivzio all'Ufficio prevenzione generale (Upgsp), ferito all'addome e all'orecchio; il carabiniere scelto Christian Luigi Infante, in servizio al X Reggimento Campania, ferito alla mano destra e a coscia e caviglia destra; il vigile urbano Vincenzo Cinque, del 1951, in servizio all'Infortunistica stradale dei Vigili urbani di Napoli, vicino di casa di Giulio Murolo, ferito al collo e al torace; Salvatore Michele Varriale, classe 1991, il più giovane di tutti, ferito di striscio alla testa e Luigi Capasso, nato nel 1941, passante, ferito al braccio.

Rilievi della Scientifica a Miano

Stanotte e stamane la Polizia scientifica è tornata sul luogo della strage, in via detta Napoli a Capodimonte, tra Miano e Secondigliano per compiere alcuni accertamenti irripetibili. Tutta l'attività investigativa farà parte degli atti trasmessi alla Procura della Repubblica di Napoli.

Scontro tra due auto nell'Avellinese, cinque persone ferite: in ospedale anche un bambino
Scontro tra due auto nell'Avellinese, cinque persone ferite: in ospedale anche un bambino
"Ero cameriere, ora sviluppo le App grazie a Apple" la storia di Elio, studente di Secondigliano
La provincia di Napoli controllata dell'Alleanza di Secondigliano: la nuova mappa della camorra
La provincia di Napoli controllata dell'Alleanza di Secondigliano: la nuova mappa della camorra
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni