È tornato in libertà Daniele Bombace, giovane studente e attivista originario di Giugliano in Campania, nella provincia di Napoli, arrestato a Parigi. Il ragazzo era stato fermato dalla polizia francese lo scorso 16 novembre mentre stava partecipando a una manifestazione antifascista nella capitale, in occasione del primo anniversario delle proteste dei "gilet gialli". La magistratura transalpina, dopo oltre due settimane, ha però deciso per il rilascio: la notizia è stata accolta con grande gioia a Giugliano; Daniele vive a Parigi da circa 5 anni, dove studia all'università.

"Daniele stava partecipando a un corteo antirazzista quando, insieme ad altri giovani, è stato fermato dalla polizia per impedire probabili scontri durante un corteo che si stava svolgendo nella capitale francese. Tutti i fermati sono stati rilasciati fatta eccezione per il giovane italiano che non aveva con sé altro documento se non la patente" aveva scritto in una nota il collettivo Zero81, di cui Daniele faceva parte a Napoli, dopo l'arresto dello studente. Proprio alcuni membri del collettivo, nei giorni scorsi, hanno organizzato un sit-in di protesta all'esterno dell'Institut Français Grenoble di Napoli, che sorge in via Crispi, per chiedere l'intervento del governo italiano e la liberazione di Daniele Bombace.