Arrivare al casello e trovare le sbarre alzate; poter transitare, dunque, senza doversi fermare a pagare il pedaggio: una comodità, che fa risparmiare notevolmente tempo, contribuendo a rendere la circolazione automobilistica più scorrevole, che sta per finire. A partire dalla mezzanotte, dunque con l'inizio di mercoledì 6 novembre, sulla Tangenziale di Napoli si tornerà a pagare il pedaggio. A causa dei lavori al viadotto di Capodichino, che hanno ridotto la carreggiata da tre a due corsie in corrispondenza dello svincolo di Corso Malta, lo scorso 25 ottobre i vertici di Tangenziale di Napoli Spa avevano deciso di rendere libero il transito sul principale asse viario cittadino.

I lavori di manutenzione straordinaria, però, proseguono, e con essi anche i disagi per gli automobilisti, con la Tangenziale spesso interessata da veri e propri ingorghi: si stima che i lavori possano durare fino a Natale, se non oltre. Ecco, allora, che c'è chi chiede che il pedaggio gratuito venga prorogato, come il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli: "Mancano poco più di 24 ore alla scadenza del provvedimento dello stop al pedaggio lungo la tangenziale di Napoli, prevista per le 23,59 di martedì 5 novembre. Al momento non c’è alcun segnale circa la proroga della misura. Ma i disagi permangono per i napoletani. Occorre dunque prorogare la misura almeno fino a quando permarrà la riduzione della carreggiata lungo il viadotto Capodichino. La sospensione del pagamento del pedaggio non è un obolo agli automobilisti ma è un provvedimento di buon senso che consente di ridurre le code in prossimità dei caselli e di snellire il traffico".