Dopo le numerose aggressioni al personale sanitario, arriva anche una notizia a lieto fine: è stato soltanto grazie all'intervento del 118, infatti, che una donna ha desistito dal suo intento di suicidarsi. Una 40enne, infatti, era salita sul balcone della sua abitazione, al settimo piano di un edifico di Fuorigrotta, quartiere della periferia occidentale di Napoli, con l'intenzione di buttarsi di sotto. L'intervento dei sanitari sul posto e la calma dell'operatore che ha parlato al telefono con la donna hanno evitato il peggio. La donna è stata poi accompagnata all'ospedale San Paolo per le cure del caso.

A raccontare l'episodio, ancora una volta, l'associazione "Nessuno tocchi Ippocrate" sulla propria pagina Facebook. "Sono le ore 2, alla Postazione San Paolo giunge telefonata dalla Centrale Operativa per intervento nel cuore di Fuorigrotta, la chiamata è per giovane donna quarantenne che si vuole suicidare gettandosi dal settimo piano. L’operatore di Centrale ha magistralmente trattenuto la giovane al telefono fino all’arrivo del mezzo di soccorso. Una volta sul posto l’equipaggio non ha esitato un attimo a salire verso l’abitazione della giovane. Giunti sul pianerottolo i soccorritori trovano la porta aperta… si inoltrano nell’appartamento e trovano la ragazza fuori al balcone al telefono con l’infermiere di Centrale. Con un gesto di abbraccio l’equipaggio la invita ad avvicinarsi, finalmente rientra nell’appartamento e si butta tra le braccia del l’infermiere! L’equipaggio, unitamente alla giovane, si dirigono al San Paolo per le cure del caso! La postazione San Paolo si congratula con l’operatore di centrale, infermiere di grande esperienza che ha saputo gestire il momento buio della povera ragazza".