Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Momenti di paura questa mattina, 29 novembre, a Romagnano al Monte, nella provincia di Salerno, dove intorno alle ore 10 si è registrata una lieve scossa di terremoto di magnitudo 2.7 della scala Richter, ma distintamente avvertita dalla popolazione. L'epicentro è localizzato a un solo chilometro a Nord-Est del borgo del Salernitano, che sorge a 650 metri sul livello del mare, molto vicino al confine con la Basilicata. L'ipocentro, invece, è localizzato a 16 chilometri di profondità ragion per cui, unitamente all'intensità, l'evento sismico è stato distintamente avvertito. Fortunatamente, non si registrano danni a persone o cose.

Il terremoto del Salernitano arriva a pochi giorni dallo sciame sismico che, tra il 24 e il 25 novembre, ha colpito Benevento e il Sannio: circa 20 scosse, la più intensa di magnitudo 3.2, si sono susseguite, provocando molta paura nella popolazione, che ha avvertito la maggior parte dei terremoti. L'Ingv ci ha tenuto a rassicurare la cittadinanza, precisando che l'area, negli ultimi anni, non ha fatto registrare una particolare attività sismica ma che si tratta comunque di un'area ad alta pericolosità, per cui uno sciame sismico di questa portata non è inusuale.