Durissimo affondo di Vincenzo De Luca contro Danilo Toninelli: il governatore della Campania ha infatti polemizzato, in maniera fin troppo evidente, dopo che il ministro delle infrastrutture e dei trasporti del Governo Conte aveva ipotizzato un passaggio della gestione della Circumvesuviana, attualmente in mano all'Ente Autonomo Volturno guidato da Umberto De Gregorio, direttamente nelle mani dello Stato italiano. "Come posso interloquire con un ministro che va in giro con la permanente?" ha replicato in maniera ironica Vincenzo De Luca, "Soluzioni per la Circum? Per Toninelli sì, il barbiere", ha poi aggiunto ai giornalisti presenti a margine di un evento al quale aveva presenziato il governatore della Campania.

"Toninelli è un ministro che secondo me porta anche po' seccia", ha proseguito ancora Vincenzo De Luca, che ha poi attaccato Toninelli a tutto fondo: "Da quando è ministro se n'è caduto un ponte a Genova, una nave ha urtato una cosa a Venezia, una seconda nave… quindi bisogna trattare la materia di questo ministro con molta prudenza". Poi però è tornato serio, ed ha aggiunto: "Battute a parte, Toninelli si preoccupi di riattivare la Lioni-Grottaminarda, che è bloccata da sei mesi, con le aziende che rischiano di fallire". Il riferimento è all'arteria che congiunge i due maggiori centri della provincia irpina (escluso ovviamente il capoluogo Avellino) e che prevede di completare il collegamento tra l'A16 Napoli-Bari e l'A3 Napoli-Salerno, i cui lavori sono iniziati da anni e che ora sono invece paralizzati. "Il resto sono chiacchiere propagandistiche", ha quindi concluso De Luca.