Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

La comunità di Castellabate, rinomata località turistica del Cilento, nella provincia di Salerno – resa ancor più nota dal film "Benvenuti al Sud", ambientato nella cittadina – è sconvolta dal dramma occorso nel tardo pomeriggio di ieri, quando nel mare di Punta Licosa, tra l'isolotto e la terraferma, è stato ritrovato il cadavere di Osvaldo Giannella, 71 anni. Ad effettuare la scoperta sono stati i militari della Guardia Costiera di Agropoli: il 71enne, con la passione per le immersioni, era uscito al mattino per andare in mare, come faceva spesso, e non era più tornato.

Già dal primo pomeriggio, la Guardia Costiera, la Protezione Civile e un elicottero dei vigili del fuoco di Pontecagnano, avevano dato il via alle ricerche del 71enne. Poi, intorno alle 18, il cadavere è riaffiorato in acqua: i militari della Guardia Costiera di Agropoli, guidati dal comandante Giulio Cimmino, hanno così proceduto al recupero del corpo del 71enne e al trasporto sulla terraferma. Con molto probabilità, Giannella è stato colto da un malore durante l'immersione. La notizia della sua morte si è diffusa molto rapidamente a Castellabate: maresciallo della Guardia di Finanza in pensione, Osvaldo Giannella era molto conosciuto in città.