Un bimbo di quattro anni è morto annegato nella piscina di casa dei genitori a Varcaturo, località di Pozzuoli, Comune in provincia di Napoli. La tragedia è avvenuta nel pomeriggio di oggi, sabato 23 maggio, in una villetta in via Ripuaria. Ancora da chiarire la dinamica dell'accaduto, ma secondo le in formazioni apprese finora dalle prime ricostruzioni, il piccolo si sarebbe allontanato dai genitori, che lo hanno perso di vista per qualche istante. Il bambino, libero di muoversi, si sarebbe inavvertitamente sporto da una finestra, per poi precipitare nella piscina di famiglia sottostante. A dare l'allarme la mamma e il papà, che sotto choc hanno chiesto l'intervento immediato di un'ambulanza al Numero Unico delle Emergenze 112. Sul posto è intervenuto prontamente il personale sanitario, arrivato a sirene spiegate, che ha soccorso il bimbo trasportandolo all'ospedale La Schiana di Pozzuoli.

Sequestrata la salma, indagini in corso

Purtroppo inutile la corsa per raggiungere nel minor tempo possibile il pronto soccorso e gli innumerevoli tentativi di rianimarlo, i medici non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Il piccolo era infatti già morto al suo arrivo in ospedale. Una tragedia che ha scosso Pozzuoli. Sul caso indagano i carabinieri della stazione di Varcaturo e della compagnia di Giugliano. I militari hanno svolto gli accertamenti, ascoltato i genitori e indagano per ricostruire la dinamica dell'accaduto, coordinati dalla procura di Napoli Nord, che ha disposto il sequestro della salma e di tutta l'area esterna dell'abitazione. Il corpicino del bimbo si trova a disposizione dell'Autorità Giudiziaria e sarà svolta l'autopsia. L'ipotesi è che si sia trattato di un drammatico incidente.