Posta una foto su Facebook che ritrae tantissime banconote sparse sull'asfalto di una strada di Vico Equense, nella provincia di Napoli, manifestando la volontà di rintracciare il legittimo proprietario per restituirgli la somma, circa 100mila euro. Il post di Antonio Iozzino, poliziotto in pensione di Castellammare di Stabia, in poco tempo ha fatto il giro del web ed è stata ripresa anche dai media, che hanno esaltato il grande gesto di altruismo: peccato che tutta la storia fosse una bufala, come ha annunciato il diretto interessato con un altro post sul famoso social network.

"Buongiorno a voi tutti cari amici… Vi chiedo umilmente ops di questo mio post inerente il ritrovamento di una somma di denaro, che avevo copiato tramite un programma in rete… Non immaginavo che potesse essere condivisa da tanti e creare tanto interesse. Sono dispiaciuto, anche frastornato dalle telefonate e commenti, vi chiedo ancora scusa. Non sono una persona degna della vostra stima, ma ripeto, sono dispiaciuto assai di tutto ciò. Ne farò tesoro di cosa possa essere su Facebook un innocuo scherzo da un programma che molti conoscono. Vi prego di perdonarmi, sono stato un incosciente nel non saper valutare la potenza di Facebook su qualsiasi notizia falsa…" ha scritto l'ex poliziotto, porgendo così le sue scuse a quanti avevano creduto al ritrovamento del denaro.