Una barca affondata a pochi metri dalla riva, da circa una settimana: è lo "spettacolo" al quale si può assistere passeggiando sul Lungomare di via Caracciolo a Napoli. Chi vive in zona spiega di aver già segnalato alle autorità competenti la presenza di questo natante che, per metà, è già sott'acqua: solo la prua infatti è ancora ben visibile, mentre la poppa è ormai già affondata. Particolarmente avvilente la situazione dal punto di vista ambientale, visto che la barca sta perdendo anche il carburante in mare, oltre al fatto che la carcassa, restando a mollo, è destinata a finire sul fondo con tutti i rischi che questo comporta anche al fondale marino.

Come spiegato a Fanpage.it da alcuni residenti in zona, sembrerebbe che la barca si trovi in quello stato da circa una settimana, affondata durante un'ondata di maltempo che ha causato una mareggiata. E che le autorità chiamate a rimuoverla, finora, non sono ancora intervenute. In molti lamentano anche il fatto che la situazione si sia verificata da diverso tempo e che, nonostante i solleciti di intervento, tutto sia rimasto com'è. Con i turisti che affollano il Lungomare di via Caracciolo che si trovano ad immortalare l'imbarcazione a mo' di monumento. Il problema del mancato intervento da parte delle autorità competenti, sarebbe da ricercare nel fatto che il proprietario del natante si sarebbe trasferito da tempo al nord, e che le operazioni di rimozione non siano così "immediate" come possa sembrare. E tuttavia, l'imbarcazione si trova ormai da diversi giorni in mare, con tutti i rischi ambientali che ne derivano. E nelle ultime ore, si sono moltiplicati gli appelli affinché il mezzo venga quantomeno riportato a riva, ed evitare dunque che affondi del tutto nei prossimi giorni.